Le newsletter della Rete ForAge

 

 

Le organizzazioni partner della Rete ForAge contribuiscono a scrivere newsletter con uscite programmate per tutta la durata del progetto. Queste pubblicazioni forniscono dettagli sullo sviluppo del lavoro della Rete e su aspetti specifici delle attività.

I testi in italiano sono disponibili in questa pagina del sito, ma le newsletter sono disponibili anche in tutte le lingue delle organizzazioni partner sulle rispettive sezioni o cliccando sui link in basso.

Newsletter 11

Intergenerational learning - Some questions arising from the GATE learning partnership

The aim of the GATE (Generations Ageing Together in Europe) project was to focus attention on how generations ‘age’ together in today’s Europe and where education and learning have a role to play in developing active-ageing strategies.

Critical reflections

The GATE Grundtvig Learning Partnership [Prog. N. 2012-1-GB2-GRU06-08455-2] held meetings with older people, education-alists, older people’s organisations, and agencies involved in active-ageing initiatives in Belfast (Northern Ireland), Graz (Austria), Valencia (Spain), Roccalamura (Sicily) and Trentino (Northern Italy):

  • To facilitate discussion and debate on active ageing among learners and the partner organisations. What does it mean? How can it be achieved?

  • To enable the exchange of knowledge, experiences and good practice in promoting and engaging older people in active-ageing strategies.

  • To encourage critical reflection on current practices.

  • To increase knowledge of active-ageing strategies and programmes in partner countries.

 

  • To examine and explore the role of education and learning in active-ageing strategies.
  •  

GATE produced a guide to active ageing which is available on the programme’s website and provides profiles of all the partners: http://gateproject.wikispaces.com

Intergenerational learning

In reaching its conclusions the GATE project also looked at current and recent (good) practice in intergenerational learning, some of the contexts for such learning – healthy and active ageing, mutual learning, volunteering, life-course perspectives – as well as providing a background picture of each country in terms of population, demography, national and regional policies as they impact on ‘ageing’ issues and older people.

The research, the consultations and the discussions, also involving the UK partner that did not host a meeting from Leicester (England), gave rise as part of the GATE legacy to:

  • the Gate Guide to Active Ageing.
  • the conclusions below.
  • the two questions which the partnership felt should be raised and debated to understand and evaluate better the notions and practice of mutual and intergenerational learning in the future.

Conclusions – great benefits

Learning in later life can bring great benefits for the ageing society. It can empower older people and enable them to live more fulfilling and independent lives. Learning can lead to improved health and well-being and reduced loneliness and social isolation. In short, learning promotes active ageing.

There are also wider benefits of learning in an ageing society – these can accrue to older people’s families and communities, and for the state itself, for example in terms of less public expenditure on health and social care. Investment in learning opportunities and activities can pay huge dividends for society and the state.

 

Lifelong learning is a means to bring about personal development, social cohesion and active citizenship as well as new and updated skills and competencies. In 2012, the European Civil Society Platform on Lifelong learning (EUCIS–LLL) published its manifesto Twelve Years After in which

it called for a renewed and updated European memorandum on lifelong learning1. In this concise paper, EUCIS–LLL stressed the important goal of personal fulfilment and enrichment for lifelong-learning activities ‘enabling each individual to achieve all his/her potentialities’. This surely should apply equally to older people and underlines the vital role of learning in active ageing.

 

There are strong arguments for seeing the changing demographic structure of Europe in a positive light. European societies are becoming more mature and wise. With the right approach, the ageing society can bring real social, cultural, political, economic and personal rewards. Active ageing can help realise these benefits for individuals and for the wider community and society. Investment in lifelong-learning courses and activities is a critical means to unlock these riches.

 

The added value of GATE

Population ageing is happening across all European countries. Europeans face common challenges and opportunities that this changing demographic brings.

Intercultural differences and understanding may be improved by the sharing of experiences and knowledge of all member states. The GATE project has given the partners the opportunity to learn from each other and to forge supportive bonds. The project has helped increase understanding of social cohesion, participative citizenship and European awareness among all the partners and has encouraged the transnational circulation of educational best practice and know-how.

GATE has contributed to new approaches to intercultural dialogue among European countries. It has benefited the participating institutions by developing innovative practices in adult education and applying them in the teaching and learning process.

Mutual understanding

Working at a European level fosters the role of common historical heritage as a means to increase the mutual understanding of different cultures allowing all partners to experience the richness of European languages. Older people were given the opportunity to learn more about other EU countries and experience new cultures and customs giving them an opportunity to learn how to deal with unfamiliar situations and adapt more readily to complex and different environments.

The GATE project also helped to promote European awareness. Older people may not feel as much part of the European Union as many younger people do and so through participation in this project older learners have been able to adopt a stronger sense of their European identity and a greater understanding and awareness of European cultural heritage.

Two key questions

The GATE partners agreed that further questions that arise as a consequence of evaluating initiatives of ‘ageing together’ or intergenerational learning include these:

1) There have been many inter-generational learning opportunities, projects and networks in recent years but fewer focussing on mutual aspects of ageing or shared learning around ageing.

Do you feel that that the claims that such experiences bring benefits to our society have been justified?

2) This is a time of rapid change, economic uncertainty, a large reliance on technology, the emergence of social media as one of our main communication channels, and an apparent lessening of trust in politicians and decision makers at local, regional, national and pan-European levels.

Can you suggest ways (and provide examples) of how active-ageing initiatives and strategies are (or can be) effective in allowing all members of our communities to cope with these changes and remain economically and socially active?

 

Jim.soulsby@btinternet.com

 

Newsletter 10

L'apprendimento intergenerazionale

 

Perché l'apprendimento intergenerazionale é importante ?

Come sottolineato dalle organizzazioni del Progetto TOY 1, i benefici dell'apprendimento intergenerazionale sono stati documentati da vari studi e quelli citati nel rapporto dell'Associazione degli Enti Locali del Galles e della Fondazione Beth Johnson (2012 Welsh Local Government Association and Beth Johnson Foundation) sono fra i maggiormente riconosciuti:

La condivisione delle abilità, delle esperienze, dei risultati ottenuti nel corso della vita e dei talenti; l'incremento dell'autostima e la riduzione dei rischi di esclusione sociale, sia per i singoli che per le loro comunità; il cambiamento degli stereotipi negativi solitamente associati alle categorie degli “anziani” e dei “giovani”; l'aumento della partecipazione nelle attività di apprendimento permanente, così come nel mercato del lavoro e in iniziative educative e formative; la promozione della cittadinanza attiva e la solidarietà fra le diverse generazioni; il senso di una maggiore sicurezza; un maggior benessere fisico e mentale; la creazione di migliori condizioni di invecchiamento a livello del quartiere di residenza; la migliore comprensione delle dinamiche comportamentali; nuovi contatti con persone di generazioni diverse dalla propria.

L'apprendimento intergenerazionale si sta lentamente affermando come una nuova area di studio interdisciplinare e di intervento istituzionale, come dimostrato anche dalla decisione dell'Unione Europea (UE) di dichiarare il 2012 Anno Europeo dell'Invecchiamento Attivo e della Solidarietà fra le Generazioni. Da segnalare anche la pubblicazione monografica del Journal of intergenerational relationships, dedicata al lavoro delle reti europee, ai progetti co-finanziati del programma UE Grundtvig negli anni scorsi 2, il numero sempre maggiore di banche dati disponibili con manuali e altri materiali specifici dei programmi intergenerazionali.

Anche il concetto di age-friendly communities (comunità attente ai bisogni delle diverse fasce di età) ha contribuito ad aumentare l'interesse verso l'apprendimento intergenerazionale da parte dei governi locali, con il riconoscimento dell'importanza che esso può giocare nella costruzione di comunità sostenibili con spazi pubblici aperti che favoriscano l'inclusione sociale, la cittadinanza attiva e lo sviluppo locale.3

La stessa Commissione Europea ha riconosciuto la mobilità intergenerazionale come uno dei requisiti per lo sviluppo economico.4

Le categorie della pratica intergenerazionale

Un'attenzione considerevole é stata data dalla ricerca alle categorie della pratica intergenerazionale, le forme, le funzioni e le aree di intervento in cui si esplicita. Brown e Ohsako (2003) hanno analizzato le tipologie delle interazioni fra anziani e giovani, in particolare:

  • Anziani che forniscono servizi a bambini e giovani (come tutor, mentori, esperti, istruttori o amici, nonni che sostengono i nipoti nella crescita).

  • Bambini e giovani che forniscono servizi ad anziani (facendo loro visita e compagnia, oppure come tutor).

  • Anziani e giovani che collaborano per fornire servizi alla comunità, ad esempio in progetti ambientali oppure di sviluppo.

  • Anziani, giovani e bambini che insieme partecipano in attività di apprendimento informale, in iniziative ricreative o per il tempo libero, eventi sportivi o artistici e mostre.

Il rapporto 2012 di ENIL, Intergenerational learning and active ageing, offre una diversa lettura delle attività intergenerazionali in base a principi a volte fra di loro sovrapponibili:

  • Incontri sociali informali.

  • Trasferimento di esperienze, conoscenza, know-how e memoria.

  • Attività creative (artistiche, culturali o di altro tipo).

  • Convivenze e solidarietà attiva in favore di coloro in difficoltà.

Springate e altri (2008) forniscono invece un modello che riflette la diversità di partecipanti, ambienti, attività e obiettivi della pratica intergenerazionale. 5

2014 – 2020

All'apprendimento intergenerazionale verranno messi a disposizione nuovi strumenti e finanziamenti aggiuntivi grazie ai nuovi programmi UE, prima di tutto da Erasmus+, con due azioni specifiche:

  1. Cooperazione fra istituzioni o organizzazioni 6, a sostegno delle istituzioni e organizzazioni attive nel settore dell'educazione degli adulti per favorire lo scambio di nuove pratiche in settori di interesse comune, sviluppare nuovi approcci e migliorare la qualità delle attività.

  1. La Piattaforma Elettronica per l'Apprendimento degli Adulti in Europa,7 uno spazio on-line, previsto per la fine 2014, per scambiare, far conoscere e promuovere metodologie di buone pratiche nell'apprendimento degli adulti.

Anche il programma Europa per i cittadini 8, ha fra le sue priorità il sostegno alla partecipazione attiva dei cittadini nella UE, attraverso la migliore comprensione dei processi decisionali dell'Unione, la promozione delle opportunità di cittadinanza attiva e volontariato, con spefici schemi di cooperazione territoriale, come il Central Baltic Programme.9 Le Strategie di sviluppo nazionale 2014-2020 sono anche da considerare: nel caso della Slovenia, ad esempio, il sostegno alle iniziative intergenerazionali é fra le priorità identificate per la costruzione di una società inclusiva.10

Le questioni aperte

  • La valutazione sistematica dei progetti di apprendimento intergenerazionale co-finanziati da Grundtvig: si tratterebbe di un esercizio utile per decidere le direzioni a cui dare priorità con il nuovo programma Erasmus+.

  • Per la stessa ragione andrebbero misurati gli impatti delle iniziative intergenerazionali su specifici settori: i decisori istituzionali, gli educatori, le agenzie e i servizi per la salute e il welfare nelle fasi avanzate della vita, gli stessi anziani che partecipano nelle attività di apprendimento e le comunità accademiche.

  • Sulla base dei dati disponibili l'apprenidmento intergeneraziona- le é stato fino ad oggi principalmente interpretato come contributo all'inclusione sociale. Solo in misura minore é stato considerato in rapporto alla cittadinanza attiva, che, invece, considerata la mancanza di identificazione fra cittadini e istituzioni della UE, sembra essere una crescente priorità.

  • Invece che concentarrsi su gruppi specifici, potrebbe essere auspicabile prevedere la valutazione di tutte le iniziative che creano processi (replicabili) di pratica intergenerazio- nale ?

  • A quali esempi di politiche nazionali e regionali potremmo fare riferimento per offrire una leva a sostegno di tutti coloro che sono impegnati in azioni di lobby per promuovere l'apprendi- mento intergenerazionale ?

Sergio Andreis, Lunaria

Mariana Matache, Euro-Ed.

Giugno 2014

1 TOY, Together Young and Old (2013) - Intergenerational learning involving young children and older people, Leiden.

2Fra i quali:TEEA – The Civil Society Organization in Bulgaria and Romania: On the Way Towards a Europe for All Ages; RIVER, Recognition of intergenerational volunteering experiences and results; ENIL, European network of intergenerational learning and EMIL, European map of intergenerational learning; con buone pratiche raccolte dalla rete AGE Platform Europe: www.age-platform.eu/age-policy-work/solidarity-between-generations/best-practices/1099-best-practice-intergenerational-solidarity

3 IInteressante, a questo riguardo, é la recente conferenza ENIL Intergenerational Learning Cities, tenutasi a Cuenca, in Spagna, dal 16 al 18 ottobre 2013.

4 European higher education in the world – COM (2013) 499 final – 11.07.2013

5Iain Springate, Mary Atkinson e Kerry Martin Intergenerational practice: a review of the literature http://www.nfer.ac.uk/nfer/publications/lig01/lig01.pdf p4

Newsletter 9

Il futuro dell'apprendimento degli anziani in Europa: imparare dall'esperienza - La 2a conferenza paneuropea di ForAge
 

 

ForAge è una rete multilaterale europea che ha lo scopo di comunicare e promuovere le esperienze di apprendimento degli anziani. La seconda conferenza paneuropea del progetto si é tenuta a Budapest, in Ungheria, dal 30 settembre all'1 ottobre 2013. E' stata organizzata dal partner ungherese, Trebag Property and Project Management Ltd, in coincidenza, l'1 ottobre, con la Giornata Mondiale degli Anziani delle Nazioni Unite. Nella due giorni sono stati esaminati i trend nell'apprendimento dei cittadini senior e le lezioni apprese in questo settore dalle iniziative ed esperienze europee. Molte presentazioni e workshops stimolanti hanno reso l'evento particolarmente produttivo e utile. Dopo il benevenuto del Professor John Benyon dell'Università di Leicester, nel Regno Unito, Coordinatore di ForAge, la conferenza è stata introdotta Peter Kövesd, Direttore di Trebag Ltd, e da Zoltán Loboda, Capo Dipartimento dell'Autorità Educativa, Legale e Amministrativa del Dipartimento per le Relazioni Internazionali del Governo ungherese.

Il contesto

‘I governi attuali tendono sempre più a sostenere le fasi iniziali dell'educazione e gli ingressi nel mercato del lavoro. Nei paesi avanzati gli investimenti per l'apprendimento degli anziani sono da considerarsi un lusso ?’. Questa é stata una delle domande poste nella presentazione del Dr Alan Tuckett, Presidente dell'International Council for Adult Education (ICAE), che ha offerto risposte ai partecipanti, parlando dei bisogni educativi dei giovani e degli anziani, dell'alfabetizzazione degli adulti e del Forum Sociale Mondiale, affermando che “un'altro mondo é possibile’. Il Dr Michael Sommer, responsabile, in Germania, del progetto European Infonet Adult Education, ha presentato la sua esperienza di condivisione delle informazioni su esperienze di apprendimento nelle fasi avanzate della vita in tutta Europa. Il Dr Koen DePryck, dell'Università Libera di Bruxelles e del Centro per l'Educazione degli Adulti di Anversa, in Belgio, ha sostenuto che i tradizionali modelli lineari dell'educazione formale non sono ormai più sufficienti e che é necessario sviluppare approcci sistemici non-lineari per l'apprendimento degli anziani, che includano l'apprendimento nella comunità, modalità educative aperte, non-formali ed intergenerazionali.

L'apprendimento nelle fasi avanzate della vita in Europa

Jim Soulsby, Facilitatore di ForAge, ha presentato riflessioni sull'importanza dell'apprendimento degli anziani e del ruolo di ForAge, citando statistiche disponibili, spesso solo fino ai 64 anni di età, che mostrano come in Europa solo il 4% dei cittadini senior siano coinvolti in attività educative. Nonostante siano sempre di più le testimonianze di partecipanti sui benefici prodotti da queste esperienze, la ricerca é tutt'oggi ancora limitata e uno degli scopi di ForAge é proprio quello di creare una piattaforma europea per favorire, nel lungo periodo, l'accesso ai dati e alle analisi disponibili, dando rappresentanza e rappresentatività alla ricerca sull'educazione nelle fasi avanzate della vita. Stefanie Steinbauer e Claudia Unger, dell'Austrian Federation of the Blind and Partially Sighted, di Vienna, hanno condiviso una presentazione rimarchevole sul progetto con non-vedenti VISAL – Visually Impaired Seniors’ Active Learning. Roger Estelle Curto, dell'Università della Terza Età Escuder Mollon, di Castellón, in Spagna, hanno presentato un moedello per la valutazione dei progetti educativi con gli anziani, chiamato‘EDU – Migliorare la qualità della vita dei cittadini senior’.

Focus sull'Ungheria

La plenaria successiva si é concentrata sulla situazione ungherese. Bálint Boga MD, della Fondazione Hospice, di Budapest, ha argomentato che l'allungamento della durata media della vita ha implicato anche nuovi bisogni di apprendimento degli anziani e che I dati a disposizione mostrano che gli anziani possono ancora imparare. Uno dei benefici osservati é la minore dipendenza e, contemporaneamente, la maggiore autostima. In Ungheria l'aspettativa di vita media é del 23,4 % maggiore rispetto a dieci anni fa. Fino a un massimo del 15 % della popolazione sopra I 60 anni soffre di dementia senile, fino al 18 % con sintomi depressivi. Il 4,5 % della fascia d'età 55 - 64 anni partecipa in iniziative educative informali, ma la percentuale scende al 2,2 %. per quella fra i 65 e i 72 anni. Katalin Vámos, formatore nei settori marketing e fitness, ha illustrato I dati sull'uso di Internet da parte degli over 50 in Ungheria: solo il 20 % lo usa regolarmente, il 61 % , però, ha profili nei social media. Il Professor Jósef Jászberényi, Direttore del Centro di Ricerca sull' Educazione per gli Anziani del King Sigismund College di Budapest, ha concluso la sessione con una presentazione sul tema cittadini senior e educazione in Ungheria. Il punto centrale é stato che l'apprendimento avviene, non tanto nelle università, poco interessati nell'apprendimento degli anziani, ma soprattutto nei centri di comunità. La prima giornata si é conclusa con domande, risposte e discussione, seguiti da un rinfresco.

La Giornata Mondiale degli Anziani delle Nazioni Unite

Il giorno successivo é iniziato con una presentazione di Zsófia Pustztai MD, Capo dell'Ufficio in Ungheria dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il tema della plenaria era “L'invecchiamento attivo aggiunge la salute agli anni”. Secondo l'OMS le persone molto anziane sono una delle due fasce di età maggiormente vulnerabili e il Piano d'Azione dell'OMS sulla Salute nell'Invecchiamento si concentra sull'invecchiamernto attivo, sostenendo che l'età di per sé non significa invecchiare e questo dovrebbe essere tenuto in considerazione dai decisori politici. Peraltro il Rapporto delle Nazioni Unite “Una vita dignitosa per tutti” sottolinea i benefici per la società derivanti dai contributi che gli anziani possono dare. E' seguita la relazione del Professor Franz Kolland, dell'Università di Vienna, che ha parlato dei benefici dell'apprendimento nelle fasi avanzate della vita, enfatizzando l'importanza dell'educazione permanente e di come possa cambiare la percezione del “diventare anziani”. Diversi studi hanno dimostrato gli effetti positivi dell'apprendimento sulla memoria e di come l'educazione permanente migliori la salute, faciliti il ricorso all'assistenza medica e la guarigione dalle malattie, ma promuove anche l'inclusione sociale, combatte il rischio di povertà, migliora le pari opportunità e la percezione dell'invecchiamento. Senza voler ignorare, dall'altra parte, il fatto che proprio la povertà può essere il maggiore ostacolo all'impegno per l'educazione permanente, che puà rivelarsi scomoda per alcuni anziani, riportando anche alla memoria ricordi spiacevoli.

Le sessioni seminariali

Il secondo pomeriggio della conferenza é stato dedicato a seminari paralleli coordinati e facilitati dai rappresentanti delle organizzazioni partner di ForAge. L'apprendimento post-conflitti e il ruolo degli anziani. Esempi sono stati analizzati dall'Irlanda, il Potogallo e l'Ungheria. Tutti i partecipanti hanno concordato che tutti, nella UE, direttamente o indirettamente, hanno un legame con le più diverse situazioni post-conflitto e che gli anziani, in quanto depositari di memoria, hanno un ruolo centrale da giocare per “costruire ponti”con le nuove generazioni. Gli anziani e Erasmus+:. Si é registrato un consenso nella valutazione molto positiva dei risultati raggiunti, anche rispetto alla maggiore inclusione degli anziani in iniziative di apprendimento, dal programma UE Grundtvig. Timori sono stati espressi che il nuovo Erasmus+ possa non dedicare la stessa attenzione ai cittadini senior. Per minimizzare questo rischio, il ruolo di ForAge é stato definito come fattore di presa di coscienza, lobby e cooperazione con altre reti. I bisogni educativi degli anziani delle comunità delle minoranze etniche, migranti e Rom. I parteciopanti, pur con la consapevolezza delle diversità fra le varie comunità, hanno sottolineato come di fatto tutti i loro anziani siano stati vittima di esclusione sociale. La considerazione delle radici, della storia e delle esperienze facilita la connessione fra minoranze e culture e l'educazione degli adulti di queste comunità dovrebbe facilitare questa connessione. L'apprendimento e la formazione per e con gli anziani nelle prestazioni di cura e nel miglioramento delle malattie mentali. Tre casi studio nell'ambito della formazione di formatori in tre diversi paesi europei sono stati presentati. I partecipanti hanno suggerito che ForAge dia visibilità alle vicende condivise, sia dal punto di vista dei formatori che da quello dei partecipanti alle attività formative. L'apprendimento intergeneraziona- le. Anche in questo gruppo sono stati presenttai tre buone pratiche ed é stato rilevato come non solo i giovani possano imprarare dagli anziani, ma anche viceversa, in particolare per i settori delle tecnologie informatiche e l'apprendimento socio-culturale. I partecipanti hanno anche concordato che situazioni di apprendimento informale portano spesso a maggiori risultati rispetto a quelle formali. Il ruolo delle tecnologie informatiche nell'apprendimento degli anziani. Nel corso di questo seminario sono state discusse le problematiche legate all'uso delle nuove tecnologie da parte dei cittadini senior e la possibilità di nuove progettualità nei nuovi Stati Membri della UE.

Ascoltare chi apprende

Dopo i seminari una plenaria é stata dedicata alle “voci di chi apprende”. Mariana Matache, dell'Associazione Asociate Euroed di Bucarest, in Romania, ha presentato il progetto “I cittadini prima di tutto”, con incontri sul tema della democrazia e partenariati sviluppati con cittadini romeni per favorire l'auto-organizzazione di iniziative per la pulizia delle strade da parte di gruppi di anziani e con borse di studio per ragazzi di famiglie a basso reddito. Il Professor Ionut Popa, della stessa Associazione, ha analizzato il cambiamento in atto, dopo la caduta del comunismo, caratterizzato da forme sempre più accentuate di autogestione ed ha citato l'esempio di un giornale locale portato avanti da anziani, insieme a un centro culturale e di aggregazione. Sean Dillon, di Age and Opportunity, a Dublino, in Irlanda, ha fornito dettagli sul progetto “Includeteci”, finalizzato alla valutazione di come gli anziani siano in grado di giocare un ruolo attivo per migliorare le proprie condizioni di salute e di benessere, valorizzando le proprie competenze anche a beneficio della comunità. I risultati hanno dimostrato come i gruppi considerati siano coinvolti in attività di svago, piuttosto che nella cittadinanza attiva. Le raccomandazioni elaborate hanno suggerito iniziative di formazione per favorire anche l'impegno civico, in particolare per la fascia di età sopra i 75 anni, il coinvolgimento degli anziani vittime di esclusione sociale e la maggiore partecipazione di anziani maschi. La dottoranda di ricerca ungherese Ildikó Berény ha fatto una presentazione sulle esperienze di apprendimento nel penitenziario di Márianosztra, con detenuti anziani, il 14 % dei quali non hanno completato la scuola primaria. La direzione della prigione ha incoraggiato sia corsi scolastici che di formazione professionale, con risultati incoraggianti: soddisfazione espressa dai detenuti partecipanti, maggiore autostima, migliore comunicazione all'interno del carcere, con meno incidenti e violenza. Successivamente, Zbigniew Durczok, dell'Associazione SMZK Krzeszowice, ha presentato l'esperienza delle università della terza età (U3A) in Polonia, la prima delle quali creata a Varsavia nel 1975. Attualmente ne esistono 385, la maggior parte delle quali nelle principali città polacche, sostenute dai governi locali, regionali e nazionali e dalla Banca Nazionale Polacca. Esistono tre tipi di U3A: organizzazioni indipendenti, raggruppamenti all'interno di università e altri attivi nell'ambito di biblioteche. Anche iniziative di cooperazione intergenerazionale sono state avviate e una discussione, avviata dai partecipanti più anziani, su possibili università della quarta età.

La sessione finale

Nella sessione conclusiva é emersa una generale valutazione positiva, sia delle plemarie che dei seminari. Jim Soulsby ha riassunto i contributi presentati durante la conferenza, sottolineandone le nuove prospettive emerse, le buone pratiche condivise e gli interessanti spunti condivisi. Il Professor John Benyon si é congratulato per l'alto livello qualitativo delle presentazioni e dei seminari, con elementi di grande ispirazione per il futuro del lavoro di ForAge ed ha espresso ringraziamenti speciali a Barbara Varga-Pinter, organizzatrice della conferenza, per un evento memorabile e di grande successo. Tutti i materiali della conferenza sono disponibili su www.foragenetwork.eu

 

 

Manuela Hinterberger

ForAge partner, bia-net, Graz, Austria

Marzo 2014

manuela.hinterberger@bia-net.org

 

 

Newsletter 8

L'apprendimento nell'età avanzata della vita

dei cittadini delle comunità delle minoranze etniche, migranti, rifugiati e Rom

Tematiche chiave

  • Moli anziani sono marginalizzati in Europa. Quelli delle comunità Rom, delle minoranze etniche, migranti e dei rifugiati lo sono ancora di più.

  • Molti cittadini senior di diversi gruppi sociali hanno testimoniato dei vantaggi tratti dal loro coinvolgimento in attività di apprendimento sulle proprie condizioni fisiche, mentali, sociali e di salute. Pochi sono invece i dati disponibili riguardo ai bisogni e alle esperienze di quelli delle comunità Rom, delle minoranze etniche, migranti e dei rifugiati.

  • Una quantità sempre maggiore di evidenza scientifica dimostra i benefici, sia per i singoli partecipanti che, più in generale, per la società, prodotti dalle iniziative di apprendimento nelle fasi avanzate della vita.

  • Le statistiche demografiche ed educative di Eurostat indicano che solamente 1 persona con più di 65 anni su 25 partecipa in attività di apprendimento. Si tratta di dati riferiti alla sola edcazione formale, ma anche considerando quelli disponibili per l'educazione informale non si arriva a più di 4 su 25: il che significa che dall' 84% al 96% dei cittadini con più di 65 anni che vivono in Europa non prendono parte in alcuna iniziativa di apprendimento.

  • Molto si sa sui bisogni educativi e su quanto viene realizzato con gli anziani coinvolti nelle diverse forme di apprendimento. Molto poco si conosce sui bisogni, i sogni e le aspirazioni di coloro che non vi prendono parte.

  • L'evidenza prodotta dai progetti sostenuti dal programma Grundtvig indicano che per molti anziani l'apprendimento ha avuto maggiore successo quando ha soddisfatto bisogni specifici in un momento ben determinato della loro vita ed è stato organizzato in luoghi e contesti che li hanno fatti sentire sicuri di sé e a proprio agio.

  • La ricerca ha evidenziato che le percentuali di partecipanti delle comunità Rom, delle minoranze etniche, migranti e dei rifugiati sono molto inferiori di quelle di cittadini locali.

  • E' stato dimostrato, anche se sulla base di dati limitati, che i programmi che hanno avuto successo sono quelli iniziati focalizzandosi sui percorsi di vita dei partecipanti e da lì sono arrivati a trattare temi di maggiore impatto sociale. Questo approccio ha permesso l'esplorazione con maggiore autostima delle informazioni e delle abilità necessarie per dare un senso migliore alle loro vite, acquisendo il senso di essere in controllo e la capacità di sfidare i pregiudizi da affrontare nella quotidianità.

  • I migranti e i rifugiati attirano grande attenzione da parte dei media in tutta Europa: spesso però i bisogni di queste comunità vengano oscurati – particolarmente quelli degli anziani fra di loro.

  • Questo è anche il caso delle comunità Rom, vittime di esclusione sociale e marginalizzazione e che, in conseguenza di varie forme di oppressione, stanno dando vita a nuove ondate migratorie dall'Europa sud-orientale: http://www.spiegel.de/international/e urope/europe-failing-to-protect-roma-from-discrimination-and-poverty-a- 942057.html

  • Per riassumere:

o Gli anziani delle comunità Rom, delle minoranze etniche, migranti e dei rifugiati difficilmente beneficiano delle opportunità disponibili.

o Poche informazioni sono disponibili sui loro bisogni educativi e questo ostacola l'organizzazione di attività significative di apprendimento.

o Poche sono anche le buone pratiche europee che possano fornire direzioni da seguire.

o L'evidenza statistica sui livelli di partecipazione è inadeguata.

o Le politiche governative e i fondi diponibili per questo tipo di iniziative sono carenti.

o Relativamente poca ricerca viene portata avanti e, di conseguenza, c'è scarsità di conoscenza rispetto ai bisogni di apprendimento delle comunità Rom, delle minoranze etniche, migranti e dei rifugiati.

Cosa sappiamo ?

  • Nonostante la Direttiva dell'Unione Europea (UE) sull'uguaglianza razziale, emanata con lo scopo di prevenire la discriminazione razziale ed etnica, molti Rom continuano ad essere vittime di pregiudizi e di forme radicate di esclusione sociale: http://ec.europa.eu/justice/discrimina tion/roma/index_en.htm

  • Roma Routes, un partenariato sostenuto dal programma UE Cultura e che ha coinvolto organizzazioni e rappresentanti Rom tedeschi, greci, sloveni, rumeni e britannici, ha avuto lo scopo di incoraggiare il dialogo interculturale fra cittadini Rom e non-Rom, per promuovere l'identità culturale Rom in Europa. L'enfasi del progetto è stata sulle tematiche culturali e ha messo in evidenza il ruolo degli anziani come trasmettitori di valori tradizioni e storia della comunità: http://www.romaroutes.eu/about/

  • Nel progetto FRISM50+ sei organizzazioni di cinque diversi paesi (Austria, Danimarca, Germania, Pesi Bassi e Turchia) hanno esplorato i modi per trovare, raggiungere e coinvolgere anziani delle comunità migranti in iniziative di apprendimento. I dettagli sono disponibili in: http://www.vhs-hamburg.de/%C3%BCber-uns/projekteprojects/archiv/frism-50- 1102

  • AAMEE si è invece concentrato sulla promozione dell'invecchiamento attivo e l'integrazione sociale, culturale ed economica degli anziani delle comunità migranti e delle minoranze etniche, sottolineando l'importanza del volontariato e l'emergere di nuove esigenze, culturalmente sensibili, come quelle legate alla casa, alla salute, all'educazione, al tempo libero, alla cultura al marketing. La relazione finale del progetto, del 2009, sostiene che i bisogni educativi degli anziani delle minoranze etniche sono stati trascurati perchè si tratta di persone considerate essenzialmente come lavoratori o migranti per motivi economici che all'età della pensione tornerebbero nei paesi d'origine. AAMEE ha anche sostenuto che le opportunità educative presenti sono limitate a partecipanti più “facoltosi”: http://www.aamee.eu/Final_project_report/Project-report.pdf

  • I seminari organizzati nell'ambito della conferenza 2013 di ForAge, a Budapest, hanno condiviso esperienze esposte dai partecipanti. In Romania il governo è consapevole delle problematiche legate alla popolazione Rom, più che raddoppiata dal 1930. Un'agenzia nazionale specifica è stata istituita, anche se finora con poche iniziative a favore degli anziani Rom. L'esperienza nei Paesi Bassi indica ormai tematiche specifiche per le terze e quarte generazioni , ma ancora in un contesto di marginalizzazione con forti elementi prescrittivi imposti dall'esterno, invece che elaborati dalle comunità stesse. In generale, si è registrato un consenso che le barriere presenti in diversi paesi sono dovute a stereotipi, interventi calati dall'alto e descrizioni mediatiche di singoli eventi spesso oggetto di cattva stampa.

Cosa possiamo fare ?

  • L'acquisizione e l'analisi più efficaci dei dati disponibili sono necessarie per meglio argomentare in favore di migliori e più differenziate opportunità educative.

  • Per esplicitare i fattori chiave per il successo (o il fallimento) delle iniziative intraprese, la pur limitata evidenza a disposizione andrebbe analizzata in maniera più approfondita.

  • Abbiamo bisogno di una maggiore conoscenza rispetto alle azioni avviate a livello nazionale e locale in favore delle persone anziane delle comunità Rom, delle minoranze etniche, migranti e dei rifugiati.

  • Per evidenziare i bisogni educativi dei loro anziani e accertare i livelli di consapevolezza attuali e le intenzioni future, contatti andrebbero stabiliti, a livello locale, nazionale ed europeo, con figure rappresentative delle comunità.

  • Ulteriore ricerca specifica è necessaria per esplorare quali possano essere i vantaggi potenziali relativamente alle sfere sanitaria, familiare, sociale e personale degli anziani delle comunità marginalizzate delle minoranze.<


mit" name="searchOut" id="frmsearchForm-searchOut" value="Beyond this site" />
ders, teachers and trainers in later-life learning">
  • Websites
  • Projects
  • Knowledge Sources